Cosa sono le cuffie da gioco? Guida completa

Nel mercato dell’informatica, la confusione spesso regna sovrana. C’è da dire che purtroppo gli utenti non hanno delle direttive ben precise su cui basarsi per acquistare un prodotto elettronico. Le strade sono tantissime, i modelli sono altrettanti e quello che ne viene fuori è, nella maggior parte dei casi, il caos più totale. Per quanto possa sembrare strano, anche per prodotti molto specialistici non viene fatta chiarezza. Si tende sempre a confondere le cose, così da rischiare un acquisto sbagliato.

Per esempio, dispositivi come le cuffie vengono molte volte dati per scontati. Essendo prodotti intesi come “accessori” si pensa che i fattori per sceglierli siano secondari e poco rilevanti. Ovviamente non è così e lo vedremo in questa guida. In particolare è interessante concentrarsi su cuffie ben precise, ovvero quelle da gioco (o da gaming, per chi preferisce il termine anglofono).

Le cuffie da gioco sono infatti tra i prodotti più snobbati e considerati “da smanettoni”. In realtà sono sempre di più le persone che scelgono cuffie da gamer per portare a termine i lavori anche più diversi, proprio grazie alle loro caratteristiche trasversali e sempre più definite. Andiamo quindi a vedere di cosa stiamo parlando, così capirete i grandi vantaggi che descrivono queste cuffie.

Cuffie da gioco vs cuffie normali: di cosa parliamo?

Come abbiamo detto nell’introduzione, quello che più ci interessa in questo momento è parlare in generale delle cuffie da gioco. Per far questo, però, dobbiamo capire per bene cosa sono le cuffie più classiche e poi concentraci sulle differenze fra loro e le cuffie da gaming. Quindi inizierei con una domanda: cosa sono le cuffie? Quali modelli e categorie si possono trovare sul mercato?

Come avrete capito, le cuffie non sono tutte uguali. Anzi, col passare degli anni, le aziende e i produttori le stanno migliorando sempre più e stanno proponendo modelli davvero incredibili, per design e caratteristiche tecniche. Ma facciamo un passo indietro: di che parliamo? Le cuffie sono rinomatamente degli apparecchi che hanno lo scopo ultimo di riprodurre un contenuto audio di qualsiasi tipo. A differenza degli auricolari, poi, si distinguono per la loro tipica conformazione a due padiglioni. Le cuffie sono grandi, qualche volta ingombranti, ma sempre le migliori sulla piazza se si parla di ascoltare della buona musica.

Arriviamo quindi alle cuffie da gaming. Queste ultime sono tra le tante categorie di cuffie che il mercato propone agli utenti. È chiaro che ogni paio di cuffie ha un determinato utilizzo e quindi delle specifiche caratteristiche che possono esaltarne le capacità. Parlando delle cuffie da gioco, gli scopi sono quelli delle cuffie più classiche? Pare abbastanza scontato dire che no, non sono gli stessi. L’utilizzo reale delle cuffie da gioco non è ovviamente quello di ascoltare musica, ma appunto di giocare.

L’utente che le acquista è solitamente un “gamer”, ovvero una persona che gioca ai videogiochi, in compagnia o da solo, per passione o per lavoro. Spesso vengono utilizzate anche dai programmatori dei videogiochi durante le fasi di test. Ma quali sono i suoi punti chiave? In cosa si distanzia dalle cuffie esclusivamente pensate per ascoltare musica? Nell’utilizzo, è chiaro. Mentre per le altre cuffie la comunicazione non è importante, per le cuffie da gioco è fondamentale. Un gamer infatti deve avere la possibilità di comunicare con gli altri giocatori e con i colleghi. Questa è la vera discriminante tra le varie categorie di cuffie. Ora andremo a vedere più nel dettaglio quali possono essere le differenze più palesi tra i modelli e le categorie di cuffie.

Design e materiali

Per fare una vera panoramica sulle cuffie da gioco, non possiamo non iniziare con un paragrafo riguardante il design e i materiali di costruzione. Le cuffie da ascolto, infatti, sotto questi punti di vista sono spesso completamente differenti dalle cuffie da gaming. Ma andiamo per gradi.

Il design e la conformazione delle cuffie da gioco sono solitamente molto interessanti. Sono cuffie queste che prediligono la parte estetica, quella visiva. Sono pensate e progettate per attirare il compratore, per questo motivo (e per molti altri) spesso le cuffie da gaming luccicano, si illuminano con piccoli led che le circondano. A livello meramente tecnico, si può notare una differenza molto netta con le cuffie tradizionali, ovvero la presenza di un lungo microfono. Sulle capacità tecniche del microfono torneremo nel prossimo paragrafo, ma per ora è importante che teniate in conto un fatto: le cuffie da gioco sembrano molto le cuffie tipiche indossate dai piloti degli aerei, in un certo senso.

Sui materiali anche ci sarebbe da dire parecchio. Le cuffie da gioco vengono spesso indossate per ore e ore dagli utenti, e questo deve avere per forza delle conseguenze anche sui materiali. A parte la qualità in sé, le cuffie da gioco sono spesso costruite con tessuti molto particolari che evitano la sudorazione o il calore eccessivo. Da un punto di vista estetico, poi, sono molto accattivanti: se pensate che molti modelli sono fatti in pelle, capirete bene il perché.

Qualità audio e microfono

Siamo arrivati al paragrafo che forse più di altri risulta decisivo. Se parliamo di caratteristiche molto tecniche, queste avranno per forza a che fare con la qualità audio, con il livello di riproduzione sonora che le cuffie da gioco possono garantire. Niente va dato per scontato, e anche se il loro utilizzo non ha a che fare con il semplice ascolto, ciò non significa che la parte sonora debba venire tralasciata.

In questa direzione, va specificato un fatto molto importante: le cuffie da gioco devono restituire un certo realismo durante la sessione di gioco. Questo vuol dire che, sebbene non siano pensate per ascoltare musica, hanno dalla loro l’enorme capacità di riprodurre in maniera impeccabile i dettagli sonori. Sto parlando di voci dei personaggi in gioco, di rumori più generici o più particolari, insomma di tutto quello che riguarda il comparto audio. In sostanza, dal punto di vista della qualità audio, sono cuffie pensate per ridare al giocatore delle sensazioni così realistiche da fargli pensare di vivere all’interno del videogioco.

Le cuffie da gaming si distinguono, in questo senso, in tre macro categorie: esistono cuffie stereo, cuffie surround e cuffie surround virtuali. Che significa? Le cuffie stereo sono cuffie che hanno una minore capacità di rendere gli effetti sonori. Le cuffie surround sono le migliori, invece, per la qualità audio, ma sono anche le più costose (sono decisamente quelle più sofisticate e professionali). Infine le cuffie con virtual surround sono una giusta via di mezzo tra i due estremi: a un buon prezzo, garantiscono una discreta qualità audio.

Sul microfono c’è da dire che le questioni decisive sono tante, la risposta in frequenze e la sensibilità su tutte. Quello che in realtà dovete tenere bene a mente riguarda perlopiù la sua necessità: il microfono non è un orpello per le cuffie da gaming, ma un elemento, una componente fondamentale.

Comodità e prezzi

Arriviamo alla fine della guida con due argomenti ancora non trattati, ma non per questo meno importanti e decisivi: la comodità, quindi il comfort, e le fasce di prezzo. Sebbene possano sembrare fattori secondari, soprattutto la comodità, scoprirete che non è affatto così. In particolare sul frangente “comfort”, la questione è più che mai importante: dovete sempre tenere presente che queste cuffie sono indossate dai giocatori per diverso tempo, spesso per molte ore durante la giornata. Se fossero scomode o poco pratica, per loro sarebbe una tortura.

Da questo punto di vista, sulla comodità possono influire tante cose: i materiali con cui le cuffie sono costruite, la tipologia di struttura, le possibilità di essere regolate sull’archetto, il rivestimento (se pelle, plastica, microfibra o altri materiali). Insomma, dipende da tante cose, ma il consiglio è questo: fareste bene a provarle, magari indossarle una prima volta per prova. Se faranno al caso vostro, compratele senza pensarci troppo.

Infine parlerei dei prezzi. Qui l’argomento è molto controverso. C’è chi dice che il costo è ingiustificato in generale, c’è chi dice che costano troppo, c’è chi dice che costano poco. Dove sta la verità? Sempre nel mezzo. Il punto è che definire un prezzo medio ha poco senso, dato che ogni cuffia ha un suo specifico utilizzo, un livello di qualità e caratteristiche che la contraddistinguono da altri prodotti. Rispetto alle cuffie da ascolto, le cuffie da gioco si attestano su prezzi medio alti: un po’ sotto le cuffie over ear, quelle più professionali. Diciamo che la fascia va dai 100 euro fino ai 200 euro circa, ma più si alzano le caratteristiche e più si alzerà il costo.

Classe 1993, è sceneggiatore e autore. La sua grande passione per la scrittura d’ogni genere lo spinge a sperimentare diverse forme narrative, dalla prosa al cinema, e culmina nel 2015 con la pubblicazione del suo primo romanzo (“Nous”, Giovane Holden Edizioni). La scrittura però va di pari passo con la passione per la fotografia e il mondo tecnologico.

Back to top
menu
cuffieperilgaming.it